Donne che camminano, forse

donna che cammina

Una ragazza canta con le cuffie e si vergogna quando qualcuno le passo vicino, smette di cantare per un po’ e quando è di nuovo da sola riprende. Che voglia di dirle non fermarsi mai.

Inciampo in me stessa, la scrivania si riempie di carte da smaltire, le stanze mi chiamano a squarciagola, il disordine diventa per l’ennesima volta una condanna autoinflitta. Mi dico di fermarmi ma la mia voce sembra perdersi in un bunker sigillato.

Arriva, la voce, alla fine arriva.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: