la solitudine, l’ascolto, la creatività

i creativi, gli artisti, hanno (abbiamo) spesso ritmi di vita e di pensiero e di emozioni quasi autistici: se sei preso da un percorso di pensiero e creazione non puoi avere spazio per gli altri

io ormai l’ho accettato, questo simil-autismo, e chi mi vorrà stare vicino dovrà fare i conti con questo

e piuttosto di stare vicino a persone che mi frenano sto da sola

mille volte da sola

anzi, trovo la solitudine sempre più fondamentale per ascoltarmi e per creare

One comment

  1. Sono d’accordo. Ecco cosa accade quando mi ritiro in camera, la sera, da solo.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: