Archivio dell'autore: Mariela De Marchi Moyano

Comunque, sono viva.

Mi sono ripresa, e mi sono anche ripromessa di starmene per i cavoli miei quando sono storta. Io, in fondo, sono felice anche quando sono triste, per dirla in modo semplicistico. Più che altro devo trovare un modo per canalizzare l’energia così irruenta che porta con sé l’angoscia. Mi sa che riprenderò a disegnare, qualche […]

in su, in su, come una bambina che vuole fare la grande

ho energia, ma non proprio costruttiva, e va a singhiozzo. piccole scoperte o meglio conferme a volte vado troppo veloce e mi piacerebbe essere più avanti nella strada da percorrere “agisci e non essere agita”, mi dice qualcuno… agisco agitata :-) e non dovrei! il discorso è lungo e complesso. si tratta soprattutto di agire […]

la ricerca della quiete

la vita ci sballotta di qua e di là, trovare un momento di quiete è spesso pura utopia, ma alla fine ci si riesce, allora l’attesa acquista un colore diverso.

assecondare il moto in discesa dell’animo cupo

Hai visto il film “Qualcosa è cambiato” (orrido adattamento del titolo originale “As good as it gets”), con Jack Nicholson e Helen Hunt? Nicholson fa uno dei suoi classici personaggi disturbati un ossessivo compulsivo quando accompagna la tipa in macchina, ora non ricordo bene il motivo del viaggio, si vede che si era preparato una […]

Umore incerto, ovvero del senso di incompiutezza

Quando non c’è una ragione precisa c’è comunque una ragione, troppo grande e pervasiva per essere definita, almeno con poche parole. Non è necessario esplicitare quando le sensazioni hanno il sopravvento. Il senso di incompiutezza c’è sempre, è una condizione sine qua non della vita consapevole – il prezzo da pagare per vedere. Ci sono […]

Conoscersi, conoscere l’altro

Più ci si conosce e più si conosce l’Altro, e viceversa. Percorsi interdipendenti che talvolta aprono voragini di senso e dissenso.

fiume in piena, tra epifanie e chat

oggi sono impazzita cercando una cosa, a casa mia, che volevo regalare a un’amica. alla fine l’ho trovata, ma nel frattempo sono inciampata in almeno 3 cose che non ricordavo più di possedere anzi, non ne ricordavo più l’esistenza e ho pensato alle cose, di solito testi scritti da noi o da altri, che sarebbe […]

dire

non è mia intenzione essere criptica, se succede è solo perché mi scappa: è da un paio di anni che cerco di liberarmi dalla mia vecchia abitudine di nascondermi, di alludere invece di dire… non è che sia difficile riuscirci, più che altro è lunga l’allenarsi a dire le cose apertamente. a volte ci riesco, […]

le parole giuste, le emozioni

sono qua, sospesa… con il respiro lento e profondo che cerca di aspirare la vita tutta, nel vano tentativo di scegliere le parole giuste, come se fosse possibile circoscrivere le emozioni.

Realizzazione di sé e affermazione di sé

La realizzazione, anche se si riferisce all’essere, non può avvenire senza il confronto con il fare: siamo (anche) il prodotto di relazioni (con il mondo, con gli altri, con il fare). Se io ti chiedessi chi sei, cosa mi risponderesti? Potresti dare una risposta senza evocare l’alterità, nemmeno indirettamente? Se realizzarsi è “vivere la vita […]

che cosa sono le nuvole

Quando sia in difficoltà, signora, pensi ai miei cani

Che giornate strane. Lunedì una continua montagna russa di sensazioni e emozioni. Mi sono svegliata con un fastidioso raffreddore, tosse e tanto freddo; dopo un po’ di riposo ho cercato di fare qualcosa al pc, ma mi venivano gli attacchi di fame e mangiavo di tutto; nulla era abbastanza buono da tenermi su, e arrivava […]

scarpe al sole nella spiaggia

il malinteso della felicità

sto riprendendo l’attività fisica per puro caso… sono mesi se non anni che cerco di darmi una regolata e invece, tac, è bastato un incontro di teatro, per sistemare la coreografia di una danza per uno spettacolo, e mi sono svegliata quasi (sottolineo quasi) completamente a volte mi chiedo dove risieda la volontà e che […]

la verità, l’amore, l’accettazione

Questo video dura un’ora e richiede un momento di solitudine, quiete, raccoglimento: Tutto su mia madre – Scrittura pubblica e dolore privato. David Rieff e Massimo Gramellini dialogano con Daria Bignardi. (Incontro tenutosi al festival di Internazionale 2012 a Ferrara.) Diventare adulti, capaci di amare… solo quando tu ami senza condizioni, cioè senza pretendere di essere […]

Io soffro, tu soffri, egli soffre…

Quando si parla di abusi spesso si pensa soltanto alla violenza fisica. D’altronde della violenza psicologica, emotiva, non rimane traccia visibile agli altri, soprattutto se sono distratti o rimangono in superficie – in realtà i segni ci sono eccome, solo che bisogna voler vederli, vedere l’altro. Chi ha subito abusi di norma non si ritiene abbastanza […]

infanzia rubata: sull’identità e la (ri)costruzione di sé

Mi ricordo bene di me adolescente: cercavo sempre qualcuno con cui parlare; dicevo di avere cose da affrontare, questioni profonde e toste, ma non arrivavo mai a toccarle. Mi piaceva parlare, parlare, parlare, raccontarmi ma non nel senso di raccontare fatti, bensì di raccontare me: che cosa c’è nella testa e nelle emozioni di una […]