Categoria Sguardi

Paesaggio da Brogliano, a Vicenza

La libertà

Il 25 aprile scorso ricordavo cosa ho fatto 5 anni fa, la mia personale liberazione, per poi andare a pranzo con un bel gruppo di donne – e alcuni mariti, compagni, amanti. Il pranzo era in parte una scusa per rivederci, noi del gruppo Follia organizzata, ma il centro dell’attenzione era Mariella Fabbris, attrice che ci […]

illustrazione di Marco Cazzato

Fare sgorgare il proprio futuro

“Non perdere tempo a fare meglio degli altri quello che fanno già tutti. Prova a fare meglio che puoi qualcosa che non ha fatto ancora nessuno. […] In una scacchiera di pedoni e alfieri che si muovono diritti o obliqui, ma senza mai cambiare direzione, il cavallo è l’unico che scarta e sorprende. […] esiste […]

Scegliere la consapevolezza

“Ci si può rassegnare a una vita mutilata e mediocre, intrisa di vittimismi e appoggiata alle proprie debolezze, che attireranno nuove iatture e recriminazioni. Ma si può anche fare la scelta opposta e diventare consapevoli della propria forza, condizione indispensabile per attrarre le persone e le cose giuste per noi. Basta svegliarsi. Acquisire consapevolezza di […]

I monologhi della vagina

Nuovo percorso teatrale

Da un anno frequento un gruppo di auto-mutuo aiuto sulle dipendenze affettive presso l’associazione Donna chiama donna, di cui di recente sono diventata facilitatrice. Alcune delle volontarie dell’associazione partecipano, insieme ad altre delle associazioni  La Clessidra e ArciRagazzi, a un gruppo di teatro guidato da Ketti Grunchi che mette in scena spettacoli intorno agli argomenti delle […]

fame

i pensieri diventano urla/canti nella mia sorgiva limpida acqua che smuove il fango . ogni voce spigolosa freme per entrare in un’enciclopedia anarchica e suonare i campanelli d’allarme non una volta ma mille . in subbuglio l’abbraccio lo sguardo il calore scorcio di un arazzo dai colori polverosi e sfilacciati che amoreggia con la luce

Con le scarpe tutte rotte, o dell’arte di comunicare

Tra il dire e il fare c’è di mezzo la volontà, il desiderio reale di qualcosa, l’assunzione delle relative conseguenze, l’accettazione del sé in tutto e per tutto, la responsabilizzazione fino alle ultime conseguenze, l’onore e l’onere della libertà.

Donne che camminano, forse

Una ragazza canta con le cuffie e si vergogna quando qualcuno le passo vicino, smette di cantare per un po’ e quando è di nuovo da sola riprende. Che voglia di dirle non fermarsi mai. Inciampo in me stessa, la scrivania si riempie di carte da smaltire, le stanze mi chiamano a squarciagola, il disordine […]

Amore dopo amore

Verrà il Tempo in cui, con esultanza, saluterai te stesso arrivato alla tua stessa porta, nel tuo proprio specchio, e ognun sorriderà al benvenuto dell’altro e dirà: Siedi qui. Mangia. Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io. Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore a se stesso, allo straniero che ti ha […]

Constatazione amichevole

Vado a digestione lenta, sempre più lenta, ma anche più efficace. La sera di venerdì 4 giugno si è tenuto presso il Gran Caffé Garibaldi l’incontro finale del corso di Lettura e scrittura poetica, a cura dell’associazione culturale Artémis e con la guida di Stefano Guglielmin. Dopo una piacevole cena, in cui gli ingredienti predominanti […]

l’oscurità chiama

sono dalla tua parte perchè sei una persona meravigliosa ed hai tutta la mia simpatia, tutto il mio sostegno, io voglio che tutto ti vada bene e non vedo l’ora che tutto sia a posto per te, abbiamo bisogno di energia buona in un mondo che non funziona o che funziona male, bisogna raccogliere le […]

mun

by mariopischedda, per il sollievo di ogni ferita.

going

foto: mariopischedda La mia non è una vita statica. Oggi ci sono, domani pure oppure no oppure altrove. Le bimbe crescono, le mamme invecchiano. Il lavoro da vigile del fuoco linguistico, tra urgenze e follie auotinflitte. Letture non lette, caos organizzato, erba tagliata al rasoio, appunti impossibili.